Casa di Cura Nostra Signora di Lourdes

cASA DI CURA

NOSTRA SIGNORA DI LOURDES

  • Slide Title

    Write your caption here

    Button
  • Medicina Generale
  • Ostetricia e Ginecologia

servizi di cardiologia completi

screening cardiovascolare

L' Unità operativa di Cardiologia, mediante il reparto di degenza e appositi ambulatori dedicati al follow up cardiologico, si propone per la diagnosi e la cura di tutte le patologie cardiache.

Avvalendosi di figure professionali altamente qualificate, svolge la propria attività mediante ricovero ordinario, day hospital e day service. Il servizio di cardiologia permette, inoltre, uno screening cardiovascolare completo:

• a soggetti, che accedono alla struttura, in regime di ricovero, un percorso clinico - diagnostico - strumentale e terapeutico nei soggetti affetti da patologie cardiovascolari nell'ambito del reparto di Medicina;
• ai soggetti, che accedono alla struttura in regime di ricovero, nei diversi reparti ad indirizzo chirurgico che la struttura mette a disposizione, un corretto inquadramento del profilo di rischio cardiovascolare prima dell'atto chirurgico cooperando con i diversi reparti nell' assicurare un follow - up clinico per tutta la durata della degenza;
• a soggetti, che accedono alla struttura come pazienti esterni, che necessitano di una valutazione ambulatoriale di tipo cardiovascolare

 

Le prestazioni offerte sono riassunte come segue:

  • elettrocardiogramma
  • visita cardiologica con ecg
  •  test da sforzo al cicloergometro ( Wtest )
  • monitoraggio ambulatoriale della pressione arteriosa nelle 24/h
  • elettrocardiogramma dinamico delle 24/h secondo Holter
  •  ecocardiogramma normale - doppler e color doppler
  • ecocolordoppler dei TSA
  • ecocolordoppler arterioso e venoso arti superiori ed inferiori.

L' Unità Operatva di Cardiologia si divide in alcune aree opertive di maggior interesse:

1. l' area Aritmologica.

2. L' area di cura dello Scompenso Cardiaco

3. l' area di cura delle vasculopatie periferiche

4. l' area di cura della Cardiopatia ischemica.

 

1. L' area di Aritmologia grazie all' apporto del servizio di Elettrofisiologia ed Elettrostimolazione, si avvale di tutti gli strumenti che l’aritmologia attuale possiede per la cura dei pazienti con problemi di disturbo del ritmo. L’iter diagnostico e terapeutico per il paziente comprende una completa valutazione clinica ambulatoriale, al fine di valutare la soluzione terapeutica più idonea sino alla proposta di un ricovero per l’esecuzione di esami mirati ed eventuali trattamenti elettrofisiologici. In particolare i pazienti ricoverati nel reparto di aritmologia sono:

a. pazienti affetti da disturbi del ritmo non complicati per i quali è necessaria l'osservazione per impostare eventuale terapia farmacologica.

b. pazienti da sottoporre a indagine diagnostica (studio elettrofisiologico) per disturbi del ritmo quali bradicardia, tachicardia, fibrillazione atriale, ecc.

c. pazienti da sottoporre a procedure di ablazione transcatetere mediante radiofrequenza e crioenergia, con sistema di mappaggio tridimensionale (figura 1a, b, c): tachicardie parossictiche da rientro atrio-ventricolare, e da doppia via nodale, tachicardie atriali focali e da macrorientro; fibrillazione atriale, tachicardie ventricolari. 

• pazienti da sottoporre a impianto di registratori sottocutanei del ritmo cardiaco, e pacemaker monocamerali, bicamerali e tricamerali (CRT-p).

• pazienti da sottoporre a impianto di cardioverter defibrillatore monocamerale, bicamerale, e defibrillatore biventricolare (CRT-d).

figura 1. in alto a sinistra, parte a, immagine di ablazione della fibrillazione atriale mediante metodica tridimensionale non fluoroscopica Carto (Biosense Webster). in alto a destra, parte b,immagine di ablazione della fibrillazione atriale mediante metodica tridimensionale non fluoroscopica NAVx Ensite (St Jude Meedical). In basso a sinistra, parte c, immagine di ablazione della fibrillazione atriale mediante metodica con pallone crioablatore (Medtronic). In basso a destra, parte d, immagine di ablazione della tachicardia ventricolare mediante metodica tridimensionale non fluoroscopica Carto (Biosense Webster).

 

2. L' area di cura dello Scompenso Cardiaco è una unità Operativa dedicata specificatamente alla cura del malato con scompenso cardiaco (SCC). L’organizzazione di tale unità si articola prevalentemente in due modalità di intervento:

1. Il ricovero ospedaliero

2. I controlli di follow-up


Il ricovero ospedaliero avviene o per una corretta diagnosi e valutazione clinico-prognostica o per la comparsa di segni di instabilizzazione. In seconda istanza vengono programmati brevi periodi di ricovero per indagini di secondo livello o per eseguire impianto di pace-maker o defibrillatori.

Il controllo ambulatoriale è un momento fondamentale nel percorso di cura dei pazienti con SCC ed avviene tramite controllo programmato oppure controllo non previsto richiesto dal paziente o dal medico curante. Il controllo programmato ha una periodicità che varia a seconda della gravità della malattia (ogni 3-6 mesi o 1 anno) e può essere accompagnato da esami strumentali come l’ecocardiogramma o l’holter. L’intento è quello di dare, in accordo con il medico di medicina generale che ha in cura il paziente, la massima continuità assistenziale per prevenire le fasi di instabilizzazione ed eventuali ricoveri ospedalieri. In caso però compaiano segni di aggravamento della malattia, il paziente viene visitato anticipatamente portando le necessarie modifiche alla terapia farmacologica o allo stile di vita. 

 

3. l' area di cura delle vasculopatie periferiche, si avvale della diagnostica strumentale non invasiva (ecocolor doppler vascolare arterioso e venoso periferico, ed angio TC), ed invasiva (angiografia, figura 2). Nei casi indicati si praticano interventi percutanei (angioplastica con stenting) e per via chirurgica di rivascolarizzazione dei distretti arteriosi.R24579560

Figura 2. immagine angiografia di stenosi occlusiva vasale arteriosa pre e post dilatazione con angioplastica e stenting. 

4. l'area di cura della Cardiopatia ischemica. è una unità Operativa dedicata specificatamente alla cura del malato con cardiopatia ischemica. L’organizzazione di tale unità si articola prevalentemente in due modalità di intervento:

3. Il ricovero ospedaliero

4. I controlli di follow-up

Il ricovero ospedaliero avviene o per una corretta diagnosi e valutazione clinico-prognostica o per la comparsa di segni di instabilizzazione coronarica. In seconda istanza vengono programmati brevi periodi di ricovero per indagini di secondo livello (esame scintigrafico miocardico, figura 3) o per eseguire esame coronarografico ed eventuale rivascolarizzazione coronarica mediante angioplastica e stenting.

 figura 3. immagine tomoscintigrafica a riposo e da stress di ischemia miocardica inducibile in camera ventricolare sn. 

 Il reparto è ubicato al 4 livello e dispone di 10 posti letto accreditati con il SSN. Inoltre è possibile usufruire di camere private dotate di ogni comfort.

Responsabile Cardiologo Interventista Dott. Sardu Celestino

Responsabile Area Medica Dott. De Luca Giuliano

Aiuto Dott. Dott. Cosentino Francesco.

Caposala Sig.ra Sannino Amalia

Tel. 0817860430-431


Share by: